Dott.
Guido Maria Meduri

PORTALE DI INFORMAZIONE PER I PAZIENTI

 

INFORMAZIONI GENERALI SULL’ECOGRAFIA



Che cos’è l’ecografia


L’ecografia è una metodica diagnostica che sfrutta onde sonore chiamate ultrasuoni per ottenere delle immagini di organi posti all’interno del corpo. Gli ultrasuoni hanno una frequenza molto più alta rispetto alle normali onde sonore emesse con la voce e non sono udibili dall’orecchio umano.

Il principio di funzionamento dell' ecografia si basa su un fenomeno fisico elementare ben noto per la sua semplicità: se trovandosi in una valle in mezzo a montagne si emette un grido verso una parete, alcuni secondi dopo si percepisce l’eco. Ciò è dovuto al fatto che la montagna riflette l’onda sonora e la fa tornare al nostro orecchio che è in grado di percepirla. L’apparecchio ecografico fa la stessa cosa; emette una serie di onde sonore ad alta frequenza che quando colpiscono un organo tornano verso la sonda (quella che il medico tiene in mano e fa
scorrere sul corpo durante l’esame). Il computer contenuto nell’apparecchio ecografico è poi in grado di stabilire in che punto del corpo è avvenuta la riflessione dell’onda e di trasformare questo dato in un’immagine anatomica.

Oltre alle normali immagini bidimensionali (ossia su due piani come le figure di un libro) con i moderni ecografi si possono ottenere anche immagini tridimensionali ed informazioni sulla vascolarizzazione di organi ed eventuali lesioni mediante il color e power Doppler.







Come è fatto un ecografo

Gli ecografi sono costituiti da una console che contiene un computer e l’elettronica, un monitor ed una o più sonde che vengono a
contatto con il paziente e sono collegate all’unità centrale mediante un cavo. La sonda invia gli ultrasuoni all’interno del corpo e rileva gli echi che ritornano dopo aver “rimbalzato” contro gli organi. L’immagine che si forma sul monitor rappresenta una piccola sezione della porzione di corpo su cui in quel momento è appoggiata la sonda (è come se si potesse guardare di fronte una fettina di salame senza doverlo tagliare con il coltello).

Le immagini vengono poi riprodotte su carta o pellicola mediante una stampante collegata al computer dell’ecografo. Per poter far scorrere la sonda sulla pelle e per impedire che gli ultrasuoni rimbalzino controllo l’aria che si interpone tra la sonda e la pelle si usa un gel che viene applicato sulla pelle prima di iniziare l’esame.









Cosa si può vedere con l’ecografia


Mediante un esame ecografico si può esaminare la maggior parte degli organi interni come ad esempio:


  1. Il cuore ed i grossi vasi

  2. Il fegato

  3. La colecisti

  4. La milza

  5. Il pancreas

  6. I reni

  7. La vescica

  8. L’utero e le ovaie

  9. La tiroide e le paratiroidi

  10. I testicoli ed il pene

  11. I tendini, i muscoli e le articolazioni


Con il color Doppler si possono studiare anche i vasi per verificare la presenza di


  1. Alterazioni del flusso del sangue

  2. Restringimento dei vasi

  3. Tumori e malformazioni congenite


L’ecografia ha invece scarsa utilità nello studio dell’apparato gastrointestinale (stomaco, intestino tenue e colon) a causa della costante presenza di gas che impedisce agli ultrasuoni di passare (per lo stesso motivo non si può fare un ecografia ai polmoni) e nello studio del cervello negli adulti in quanto non si riesce a vedere al di sotto delle ossa del cranio.



Come si svolge l’esame


La maggior parte degli esami ecografici sono assolutamente indolore.

Dopo essersi posizionati distesi su un lettino, il medico applica il gel ecografico sulla pelle (è incolore, inodore e non macchia) e fa scorrere con una certa pressione la sonda muovendola in varie direzioni sulla parte che interessa esaminare. In alcuni casi è necessario esercitare molta pressione e ciò può causare fastidio e modesto dolore.

Ovviamente se l’esame è effettuato su una zona infiammata il dolore può essere più intenso.

Gli esami che vengono effettuati mediante una sonda endocavitaria (ecografia prostatica transrettale ed ecografia pelvica transvaginale) possono essere un po’ più fastidiosi ma si svolgono generalmente in tempi rapidi e sono ben sopportati dalla maggior parte dei pazienti.

Dopo un esame ecografico si può tornare tranquillamente alla propria attività.

I risultati dell’esame vengono comunicati dal medico al termine dell’esame e viene consegnato un referto scritto insieme con le immagini ottenute.


Quali sono i vantaggi dell’ecografia


Gli esami ecografici non sono invasivi (nessun ago o iniezione) e non sono generalmente dolorosi

L’ecografia non impiega radiazioni ionizzanti e quindi non è dannosa per il corpo umano. Per tale motivo l’esame può essere ripetuto anche a breve distanza di tempo

Rispetto alle altre metodiche radiologiche l’ecografia si svolge in tempo reale e quindi è possibile osservare la funzione di organi in movimento (come il cuore) di muscoli e tendini.

L’ecografia può essere impiegata anche per guidare procedure invasive come l’agoaspirato o l’agobiopsia in maniera molto precisa.